La scrittrice Rosa Teruzzi a Segrate sabato 10 giugno


“Trame gialle e noir di una giornalista che ascolta il respiro di Milano”
Questo il titolo scelto per l’incontro con Rosa Teruzzi, giornalista e scrittrice, che sarà nostra ospite sabato 10 giugno alle ore 17 al Centro Culturale Verdi di via XXV Aprile.

L'Associazione D come Donna e l’Amministrazione comunale di Segrate presentano la sesta edizione della rassegna “Una trama di fili colorati”. Prosegue il percorso per aggregare, coinvolgere, far uscire dal proprio privato, e sollecitare spunti di riflessione sul ruolo della donna, sui suoi diritti oggi come ieri; per far crescere nella donna la stima e la consapevolezza del proprio valore; per allargare uno spazio di dialogo di donne per le donne, e allacciare le tante visioni e sfaccettature del mondo femminile... proprio come una trama di fili colorati!
Dopo aver ospitato la mostra fotografica “Donne d'Africa”, realizzata dai volontari della Onlus “Gente d'Africa”, in occasione della Giornata Internazionale della Donna viene aperta ora una finestra sul mondo dei libri, tradizione ormai consueta all'interno della rassegna. L'incontro con Rosa Teruzzi non sarà solo incentrato sulla presentazione dei suoi romanzi (entrambi pubblicati da Sonzogno) “La sposa scomparsa” e del recentissimo “La fioraia del Giambellino”, due gialli affascinanti che hanno come protagoniste un trio di scatenate detective per le vie di Milano, ma sarà anche l’occasione per parlare della sua professione di giornalista, in particolare di caporedattore della trasmissione televisiva “Quarto grado” in onda su Retequattro.
Palma Agati, anche lei giornalista, dialogherà con Rosa Teruzzi intorno alle vicende dei suoi romanzi sino alla cronaca nera, al fine di offrire al pubblico qualche spunto di riflessione in più sul lavoro delle donne nell'informazione. Le letture di Noemi Bigarella arricchiranno l'incontro.
Vi aspettiamo!!!


Dentro Milano esistono tante città, e quasi inavvertitamente si passa dall’una all’altra. C’è poi chi sceglie le zone di confinr come i Navigli, a cavallo tra i locali della movida e il quartiere popolare del Giambellino. Proprio da quelle parti Libera – quarantasei anni portati magnifi camente – ha trasformato un vecchio casello ferroviario in una casa-bottega, dove si mantiene creando bouquet di nozze. È lì che vive con la figlia Vittoria, giovane agente di polizia, un po’ bacchettona, e la settantenne madre Iole, hippie esuberante, seguace dell’amore libero. In una piovosa giornata di luglio, alla loro porta bussa una donna vestita di
nero: indossa un lutto antico per la figlia misteriosamente scomparsa e cerca giustizia. Il caso risale a tanti anni prima e, poiché è rimasto a lungo senza risposta, è stato archiviato.
Eppure la vecchia signora non si dà per vinta: all’epoca alcune piste, dice, sono state trascurate, e se si è spinta no a quel casello è perché spera che la signorina poliziotta possa fare riaprire l’inchiesta. Vittoria, irrigidita nella sua divisa, è piuttosto riluttante, ma sia Libera che Iole hanno molte buone ragioni per gettarsi a capo tto nell’impresa. E così, nel generale scetticismo delle autorità, una singolare équipe di improvvisate investigatrici riuscirà a trovare, in modo originale, il bandolo della matassa, approdando a una verità tanto crudele quanto inaspettata. 




Avvicinandosi il tanto atteso giorno delle nozze, Manuela, ragazza milanese romantica e un po’ all’antica, sogna di realizzare il suo desiderio più grande: essere accompagnata all’altare dal padre. Il problema è che lei quel genitore non l’ha mai conosciuto e non sa chi sia. È un segreto che sua madre ha gelosamente custodito, e che per nulla al mondo accetterebbe di rivelare. Stanca delle continue liti in famiglia per ottenere la confessione cui tanto tiene, a
Manuela non resta che cercare aiuto altrove. Così bussa alla porta del vecchio casello ferroviario, dove abitano tre donne assai originali, sulle quali ha letto qualcosa in una pagina di cronaca nera: la poliziotta Vittoria, tosta e non proprio un modello di simpatia, sua madre Libera, fi oraia con il pallino dell’investigazione, e la nonna Iole, eccentrica insegnante di yoga, femminista e post hippie. Sono tre donne diversissime, spesso litigiose, con il talento di mettersi nei guai ficcando il naso nelle faccende altrui. Saranno proprio loro, dopo le iniziali esitazioni, ad andare alla ricerca del misterioso padre. Le tracce, come in una caccia al tesoro di crescente suspense, le condurranno in giro per Milano e nei paesini della Brianza, a rivangare l’oscuro passato della madre di Manuela, custodito nei ricordi e nelle omertà di chi l’ha conosciuta da giovane. E a mano a mano che si avvicineranno alla soluzione del caso, si troveranno di fronte al dilemma: rivelare la scabrosa verità, oppure no?



















Nessun commento:

Posta un commento