Per la nostra rubrica dei saggi n. 35 - Luigi Zingales: “Manifesto capitalista” Rizzoli 2012

Luigi Zingales
Manifesto capitalista
Rizzoli 2012


di Enrico Sciarini

Nella sua prefazione l’Autore scrive che i suo libro è “un resoconto impietoso dei problemi dell’attuale sistema economico e un’appassionante richiesta di cambiamento”. Dichiara anche che il “libero mercato” rimane il migliore dei sistemi possibili che, pur con tutti i suoi difetti, offre sempre il maggior numero di opportunità al maggior numero di persone. Ed è proprio per tale maggioranza di persone che Zingales dice di aver scritto il suo libro. Le Sue proposte si basano sulla forza della competitività estesa non solo al mercato, ma anche alla politica, alla cultura e all’informazione. Dichiara poi che il suo capitalismo, per essere accettato dalla maggioranza dei cittadini non deve comportare troppe differenze di reddito. Illustra con chiarezza le nefaste conseguenze del nepotismo e del clientelismo aggiungendo che quando un’impresa riesce a monopolizzare il mercato con l’appoggio governativo, essa diventa talmente colossale da essere considerata uno Stato nello Stato così che nessuno può permettersi di farla fallire. Più avanti spiega quanto sia importante quello che Lui chiama “valore civico”, vale a dire l’insieme delle aspettative e dei valori che favoriscono la cooperazione. Inevitabilmente affronta quindi i problemi etici concernenti l’economia: Per Zingales il profitto non dovrebbe essere l’unico criterio per misurare il successo di un’azienda e nemmeno quello di uno studente. E’ molto critico anche con le “lobby” che sarebbero per Lui “una distorsione del mercato che fa trionfare il capitalismo clientelare”. Per coloro che non intendessero leggere le 359 pagine del libro, è raccomandabile almeno la lettura della postfazione, tutta dedicata all’Italia e alla sua “peggiocrazia”; in sole 16 pagine ne mette a nudo gli aspetti più deleteri che fanno dell’Italia una nazione non più in grado di reggere il confronto con quelle più progredite. Ne indica le cause, la maggiore delle quali è la mancanza di fiducia nei confronti dei governanti. Confida in una difficile ripresa affidata ai giovani, alle donne e agli immigrati. Luigi Zingales è un economista che insegna imprenditorialità e finanza all’Università di Chicago. 

Nessun commento:

Posta un commento