Mario Rigoni Stern ci ha lasciati

Ci ha lasciati lo scrittore Mario Rigoni Stern: è morto ad Asiago, all'età di 86 anni. Ci ha lasciati un grande uomo, un grande scrittore. Vi consigliamo vivamente di rivedere l'intervista rilasciata a Fazio in Che tempo che fa (3 dicembre 2006) clicca qui.





Noi del Gruppo di Lettura lo vogliamo ricordare trascrivendo uno stralcio dal bel libro "Inverni Lontani" (Einaudi):

"Due o tre ore ogni sera le passavo a riordinare la biblioteca degli ex combattenti, che aveva qualche migliaio di volumi. Per intiepidire la stanza mi portavo da casa un po' di legna e accendevo il fuoco nella stufa di cotto. C'erano molti volumi che riguardavano la Prima Guerra Mondiale, ma pure romanzi della "Medusa", gialli, rosa, tutto D?Annunzio, Oriani, Papini, e anche uno scaffale di libri naturalistici e scientifici lasciati per testamento da un vecchio ingegnere, e l'Enciclopedia Utet. I romanzi di cappa e spada e dell'Ottocento francese erano i più richiesti dai lettori e dalle lettrici che venivano dal contado, e quando li riportavano sapevano di stalla.
Si sa, allora non c'era la televisione, pochi avevano la radio e la gente leggeva di più. Alla domenica mattina, dopo la messa, venivano in biblioteca anche dalle contrade lontane. Pagando venti lire potevano avere in prestito un libro per quindici giorni. Gli ex combattenti avevano lo sconto e pagavan la metà. Insomma, che cosa importava se quando li restituivano avevano odore di vacca e di letame e se erano un po' sciupati? Intanto venivano letti nelle lunghe sere invernali, magari a voce alta, alla tenue luce delle cucine o nelle stalle mentre si aspettava il parto delle vacche.
Quelle venti lire per libro così raccolte e giornalmente registrate servivano per pagare un modesto canone alla vedova che ci affittava la stanza al piano terreno e il cui marito era morto prigioniero in Africa. Riuscivo persino a far rilegare ogni mese una decina di libri da Costantino, un falegname reduce anche lui dalle patrie guerre, che alla domenica e alla sera faceva bene il rilegatore. E riuscivo addirittura a comprare qualche libro nuovo di narratori o poeti, o qualche saggio di storia che istintivamente sceglievo dai cataloghi dele case editrici.
Fu così che i miei giovani compaesani poterono leggere Kafka, Faulkner, Babel', Hemingway, Garcia LOrca, Eliot, i poeti russi, Carlo Levi, Pavese, Vittorini, Gramsci... Queste mie scelte arbitrarie provocarono in paese una certa reazione da parte dei benpensanti che vedevano nella piccola biblioteca un luogo di riunioni sovversvive . Ma che belle discussioni in quelle sere invernali! Quanto entusiasmo nei nostri discorsi animati da letture che ci avevano fatto scoprire un mondo che fino ad allora ci era stato tenuto nascosto."

Notizie biografiche potete trovarle cliccando qui

Arrakis, un documentario poetico sul mondo del lavoro

Abbiamo ricevuto una mail interessante che ci segnalava un documentario poetico sul mondo del lavoro. Volentieri vi giriamo la notizia.
Trattasi di "ARRAKIS", un tributo ai luoghi e alle vittime del progresso industriale italiano.
Qui sotto potete vederne il video, ed è stato prodotto da un giovane filmaker segratese, Andrea Di Nardo. Anche le musiche, originali, sono state appositamente composte da un altro musicista che ha insegnato a lungo a Segrate, Leonardo Marzagaglia.

Come da invito, riteniamo sia giusto promuoverlo sopprattutto tra i giovani che non conoscono queste storie.

Cliccando qui potrete avere informazioni sul
"Progetto mediatico ARRAKIS" studiato per il lancio

Premio Marina Pazzaglia Edizione 2008

Segnaliamo con piacere un Concorso segnalato da una partecipante del nostro Gruppo di Lettura, il Premio Marina Pazzaglia.
Qui sotto il link per scaricare il Bando:

Segrate Scrive 3: questo venerdì 13 giugno ore 18.30 in Biblioteca a Segrate

Carissime e carissimi,
vi ricordiamo un appuntamento importante!
Proseguono gli incontri ormai tradizionali con la storia e la memoria della città di "Segrate Scrive. La città incontra i suoi scrittori".

Venerdì 13 giugno alle ore 18.30 nel salone 1 della Biblioteca civica di Segrate in Via degli Alpini, 34 avremo il piacere di incontrare :

Marco Geber - "Cercando un' isola"
Tra piacevoli e colte scaramucce, ripensamenti e forti emozioni, sboccia e si evolve la storia d’amore di Irene e Guido sullo sfondo della suggestiva cornice siciliana.













Giuliana Piazza - "La melodia delle creature"
Un libro che raccoglie tredici favole di contenuto innovativo ed interessante con tematiche attinenti all'ecologia, alla zoologia e alla botanica.













Gli incontri, con ingresso libero, saranno arricchiti come sempre dai reading di Noemi Bigarella e da un ottimo rinfresco per concludere in modo piacevole e conviviale la serata!

Vi ricordiamo che Segrate Scrive ha anche un blog, che raccoglie tutte le informazioni delle edizioni precedenti, corredato di foto, notizie bio-bibliografiche degli autori e su cui potete lasciare vostri commenti!!!

L'indirizzo é:
http://segratescrive.blogspot.com/

Vi aspettiamo!!!

Informazioni:
Biblioteca Comunale di Segrate
Tel. 02.21.87.00.35
segrate@bibliomilanoest.it
Associazione D come Donna
Tel. 02.21.33.039
dcomedonna.segrate@libero.it
http://segratescrive.blogspot.com/

Un corso di formazione su "come organizzare e condurre un gruppo di lettura"

Il 4 e l'11 giugno, presso il Salone 1 della Biblioteca di Segrate, Luigi Favalli e io (Roberto Spoldi) avremo il piacere di tenere un corso di formazione dal titolo:Come organizzare e condurre un Gruppo di lettura. Il corso, organizzato dal Sistema Bibliotecario Milano Est, rivolto in prima istanza ai bibliotecari di pubblica lettura appartenenti al Sistema Bibliotecario Milano Est, ma aperto anche alla partecipazione di esterni, si propone di fornire adeguati metodi per organizzare e condurre un gruppo di lettura in una biblioteca di pubblica lettura di medie/piccole dimensioni.
Qui sotto la presentazione del corso.