Scrivere la guerra, cronaca dal secondo incontro

il pubblico del secondo incontro di scrivere la guerra, originally uploaded by robigidielle
Martedì scorso, 14 novembre 2006, si è concluso il ciclo di incontri su poeti e narratori che hanno scritto poesie e pagine di narrativa sulla Prima e Seconda Guerra Mondiale: Scrivere la guerra, a cura di Mauro Novelli dell'Università degli Studi di Milano. Anche questo incontro, come il primo (clicca qui per leggere il primo incontro), è stato carico di emozioni suscitate dal racconto che Novelli ci ha fatto in margine alle pagine degli scrittori: Vittorini, Calvino, Fenoglio, Meneghello, Mazzantini e Rigoni Stern. Novelli, con la sua indubbia bravura nel coinvolgere un pubblico numeroso e attento, ha dapprima introdotto l'argomento parlando della situazione politica e sociale dell'Italia tra il 1940-45; subito dopo, ha parlato di Vittorini e del suo romanzo "Conversazione in Sicilia" di cui Noemi Bigarella, bravissima, ha letto alcune pagine intensamente emozionanti. Il Professore poi ha parlato molto di Italo Calvino e di Beppe Fenoglio: quest'ultimo, un altro grande autore italiano che ha raccontato forse tra le più belle pagine sulla Resistenza. La guerra. Il suo dramma, le prigionie, e le difficoltà di uomini e ragazzi (Novelli ha tenuto a sottolineare che spesso si trattava di giovanissimi) che vivevano una realtà tremenda e drammatica. A questo proposito ha introdotto gli altri tre autori: Meneghello, Mazzantini (che invece scelse la Repubblica di Salò e quello che comportava una simile scelta) e Mario Rigoni Stern. Di quest'ultimo vale la pena ricordare la lettura drmmatica e intensa di Noemi Bigarella da alcune pagine de "Il sergente nella neve". Il pubblico, coinvolto, appassionato, attento e curioso, aveva anche, tra i presenti, un reduce del secondo conflitto bellico, fatto prigioniero dagli americani: lo ringraziamo davvero per esere intervenuto, sperando vivamente che legga questa cronaca. Novelli ha poi voluto concludere leggendo una poesia di Franco Loi e al suono di una musica dell'estate del '45 che ci riportava al clima festoso di umanità e di solidarietà collettiva nell'Italia uscita dal dramma della guerra, ci siamo avviati al rinfresco, un momento conviviale e sereno, mentre qualche altro partecipante prendeva i libri in prestito, dandoci appuntamento, tutti, al prossimo ciclo di incontri con Mauro Novelli, per il 2007!

Nessun commento:

Posta un commento