31 agosto, il GdL in giardino con Louis-Ferdinand Céline

Questa ultima giornata di un agosto bizzarro ha voluto invece regalarci una serata deliziosa. Il cielo terso consentiva alla luna di essere al massimo del suo splendore, l'aria frizzante quel tanto da rendere piacevole restare seduti in cerchio nel giardino della biblioteca parlando di Casse-pipe di Louis-Ferdinand Céline. Ieri sera eravamo assai numerosi, si superava la trentina al Gruppo di Lettura che ha visto la partecipazione anche di numerosi uomini come non se ne erano mai visti prima. Il libro trattato consentiva a chi ha svolto il servizio militare di portare il proprio contributo e fornire indicazioni suffragate dall'esperienza. Non è stato proprio così.Hanno commentato il romanzo di Céline, maggiormente le donne, gli uomini si sono limitati a qualche affermazione circa il linguaggio usato dall'autore o chiedersi come chi non ha fatto la naia potesse apprezzarlo.A onor del vero, il romanzo non ha trovato molti difensori, anzi è stato forse uno di quelli che, per diverse ragioni, ha suscitato un gran numero di perplessità. La lingua usata, non disgiunta dalla incomprensione di alcuni termini, la difficoltà di capire chi parlava, il singolare uso della punteggiatura, sono state le principali motivazioni avanzate per affermare che questo è stato forse il libro che ha raccolto il minor numero di consensi.Alcuni hanno fatto rilevare che hanno interrotto la lettura dopo solo poche pagine.Non sono tuttavia mancati apprezzamenti avendone colto la musicalità dello scritto. Altri ancora hanno apprezzato il singolare modo di raccontarci, da parte di Céline, di cosa accade in una caserma, sia pure in un epoca lontana anni luce.Sono seguiti commenti sulla vita di caserma e sul tipo di linguaggio usato anche attualmente che si discosta molto da quello usato dall'autore.Commenti proseguiti, come sempre, mentre venivano serviti deliziosi gelati. Il prossimo incontro vedrà i commenti al libro di Ferruccio Parazzoli, Per queste strade familiari e feroci (risorgerò). Ve ne riferiremo. Con ieri sera abbiamo ripreso una vecchia tradizione cioè quella di presentare alcuni libri di recente edizione: abbiamo parlato di Laura Pariani e del suo libro Patagonia Blus, che qualcuno ha letto e trovato molto interessante. Il libro comincerà a circolare come libro sotterraneo.Quelli che noi chiamiamo sotterranei, sono quei romanzi che sono disponibili in limitatissime copie e non tali da soddisfare la richiesta. Arrivederci al 21 Settembre!
il tavolo dei libri, originally uploaded by robigidielle

Nessun commento:

Posta un commento